Speciale donne trial italia - INFOTRIAL

Vai ai contenuti

Menu principale:

Speciale donne trial italia

Gare e calendari
 


 

18 Marzo 2015


Il trial femminile in Italia
Intervista alle ragazze impegnate in gara e panoramica sul gruppo delle appassionate


 
 
 
 

Il settore trial femminile è in continua crescita, molte sono le praticanti del gentil sesso che si divertono partecipando alle mulatrial o semplicemente utilizzano la moto da trial per mantenersi in forma.

Il trial femminile è una realtà che ha avuto inizio sul finire degli anni ottanta, un gruppo di ragazze e donne appassionate di trial guidate dal compianto Bruno Tegaldo, Ennio Piccolotto e Ferruccio Pagano, vennero supportate da sponsor quali Tackla, Shark e Gaerne con particolari rosa, iniziarono così le partecipazioni a gare internazionali.

Prima campionessa italiana fu Simonetta Viano, moglie di Bruno Tegaldo, insieme a lei vi erano (in ordine da sinistra a destra), Paola Barisone, Simonetta Viano, Carla Tignone, Daniela Venturi, Simona Chauvie e Monica Ferrari, ritratte in occasione della prova di Pallavicino in provincia di Alessandria.

A loro si unirono poi le sorelle Albertini e Silvana Cravenna.

Di quel gruppo Deborah Albertini e Simona Chauvie frequentano il mondo del trial e si allenano ancora.

 
 

Nel 2015 le praticanti sono aumentate, partecipano a mulatrial e praticano il trial nei weekend Claudia Pifferi, Susanna Scardone, Valentina Peretti, Sonia Porcu, Marta Passet Gros, Claudia Mori, Cinzia Fornara, Sabrina Trentini, Michela Bonin, Linda Bertanza e Tiziana Barberis e ne stiamo citando solo alcune.

A queste si aggiungono le ragazze che vedono il trial come competizione prendendo parte a gare territoriali, tricolori e chi, come Elisa Peretti, Martina Balducchi e Sara Trentini nella scorsa stagione hanno vestito la Maglia Azzurra al Trial delle Nazioni ed hanno preso parte al torneo iridato.

Abbiamo intervistato quest’ultimo gruppo, inserendole in rigoroso ordine alfabetico, conoscerete così Alex Brancati, Clara Macchiavello, Eleonora Marrè, Elisa Peretti, Emanuela Spadoni, Giulia Kasermann, Martina Balducchi, Martina Gallieni, Micol Bettinotti, Sara Rivera, Sara Trentini, Veronica Reigl, aggiungiamo con fotografie la giovanissima Andrea Sofia Rabino che ha debuttato lo scorso anno in gara.

 
 

Nessuno di loro sa cosa hanno detto le altre, inoltre abbiamo volutamente lasciato loro spazio per esprimersi a ruota libera, così da cogliere le sfumature di ognuna partendo ovviamentedalle seguenti domande:

Presentati ai lettori di www.infotrial.it

Moto posseduta e team

Anno del debutto agonistico

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

Da quanti anni pratichi il trial?, Cosa ti piace del tuo sport?, Cosa cambieresti nel trial?

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.

Quanti allenamenti settimanali e con chi?

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?

Pregi e difetti in moto e Pregi e difetti nella vita

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse?

Programmi 2015

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile

Chi devi ringraziare.

Buona lettura

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Alex Brancati: “Sono nata il 13 Maggio 2001 a Novi Ligure e frequento la terza media”

Moto posseduta e team

“Gas Gas Trial Team Aveto”

Anno del debutto e principali partecipazioni.


“Maggio 2012, Campionato Italiano e Regionali Ligure e Piemontese”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“A cinque anni mi hanno regalato la moto, le prime gare le ho fatte nel minicross, poi nel Maggio del 2012 ho cominciato a fare trial perche con l'85 cross le velocità erano diverse dal 65 ed i rischi maggiori, inoltre mio papà aveva già un passato da trialista e ciò ha contribuito a portarmi a provare questo sport.”

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Clara Macchiavello: “Sono nata il 7 Agosto 1981 a Santa Margherita Ligure, lavoro come Valve Designer.”

Moto posseduta e team

“Beta 2012 TmT Trial Team - Fisto trial school”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Nel 2005 in occasione dell’Italiano a Bagolino Brescia.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Ero affascinata dalla moto da trial sin da piccola, quando le vedevo passare davanti casa pensavo un giorno la proverò..quel giorno è arrivato e da allora non ho mai smesso.”

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Eleonora Marrè: “ Sono nata il 1 Agosto 1991 a Santa Margherita Ligure e sono un insegnante in un asilo.”

Moto posseduta e team

“Beta Evo 250.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“2009.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“L’avvicinamento al trial è iniziato all’eta di 16 anni, quando nel mio рiccolo рaese, Santo Stefano d’Aveto è stata organizzata una gara di camрionato italiano indoor. Le moto, mi sono semрre рiaciute, in рiù con il рaрà meccanico sono cresciuta nel mondo dei motori ma, quella gara mi ha fatto letteralmente innamorare delle moto da trial.”

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Elisa Peretti: “Sono nata il 23 Luglio 1995 a Giaveno, studentessa.”

Moto posseduta e team

“Ho sempre posseduto Gas Gas e corro per il Team Spea fin dal debutto.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Nel 2004.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

Mio papà e mio fratello mi hanno trasmesso la loro passione per il trial.”

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Emanuela Spadoni: “ Sono nata il 19 giugno 2003 a Lavagna, frequento la prima media .”

Moto posseduta e team

“Gas Gas Trial Team Aveto”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Ho partecipato alla prima gara a Rignano sull’Arno,  Masters Beta 2012.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Vedere gli amici di mio padre praticare questo sport mi ha incuriosito, così è nata la passione per il trial!”

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Giulia Kasermann: “Sono nata a Savigliano (Cn) il 9 maggio 1994, sto frequentando il secondo anno di economia aziendale .”

Moto posseduta e team

“Corro per il Team Rabino Sport dal 2013..”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“La mia prima gara l'ho fatta all'età di 13/14 anni, era un regionale minitrial a Mezzana Mortigliengo. L'anno del debutto è stato nel 2011 quando ho corso nel campionato italiano nella categoria femminile (cioè la mia attuale categoria) con il Gas Gas 80 in quanto non avevo ancora l'età per correre con una moto di cilindrata più grossa, ma mi era stata data la possibilità dalla Federazione di schierarmi con i più grandi.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Mi sono avvicinata a questo sport grazie a mio papà , fin da piccola l'ho sempre seguito nelle gare senza mai perdermene una... fin quando gli ho chiesto di comprarmi la moto da trial e da li non ho più smesso.”

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Martina Balducchi: “Sono nata a Genova il 26 Gennaio 1988, lavoro come ostetrica a Genova.”

Moto posseduta e team

“Scorpa 250 Team Scorpa Italia.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Nel 2004.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Aver provato la moto di mio papa per imparare a guidare lo scooter e aver visto altre ragazze che lo praticavano.”
Da quanti anni pratichi il trial?

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Martina Gallieni: “Sono nata il 2 Novembre 1993 a Ginevra. Vivo a Courmayeur, in Valle d'Aosta. Sono al terzo anno della facoltà di Fisica all'Università degli Studi di Milano Bicocca. Nel tempo libero, faccio la Maestra di Sci a Courmayeur.”

Moto posseduta e team

“ Gas Gas Pro Racing 280 del 2014. Non sono in nessun team.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Ho debuttato nel Campionato Italiano lo scorso giugno, a Montoso, mentre faccio gare regionali già da un paio d'anni.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Mi sono avvicinata a questo sport grazie a mio papà, che ha sempre avuto la passione per il trial.”





 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Micol Bettinotti: “Sono nata a Lavagna il 19 Novembre  1996  ed attualmente frequento il quinto anno del corso Finanza e Marketing a Sestri Levante.”

Moto posseduta e team

“Ho un Beta 125 e corro per il neonato Team Propark di Genova”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Pratico il trial da un anno e mezzo ed ho partecipato alla prima gara nella scorsa stagione, Masters Beta di Ceriale.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Conoscevo i trialisti di Casarza Ligure, mi piaceva la moto ed essendo un po’ un maschiaccio mi ha incuriosito il trial, l’unica disciplina motociclistica dove devi andare piano!”



 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Sara Rivera: “12 Gennaio… non si chiede L età alle signore! 1979 a Genova, lavoro come impiegata.”

Moto posseduta e team

“Beta 250 2 tempi, Team Pro Park.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Con questa domanda mi fai sentire vecchia! Ma come hanno fatto a passare già così tanti anni?! Era il 2003.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Sin da piccola ho sempre avuto la passione per le moto che mi ha trasmesso mio padre, poi un giorno Sergio Parodi mi ha invitata a provare il Trial al "Pro Park" di Ceranesi ....è bastato un attimo per capire quanto fosse divertente!“

 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Sara Trentini: “Sono nata il 24 Giugno 1991 a Riva Del Garda, la mia passione è un lavoro, sono titolare della pista e negozio OFFROAD PARK (enduro e trial)."

Moto posseduta e team

“Sherco 300cc Team OffRoad Park.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“A quattro anni mi hanno regalato un minitrial e a 14 ho partecipato alla mia prima gara.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Da quando avevo quattro anni mio padre mi ha trasmesso la passione per questo sport regalandomi un mini-trial per Natale.”



 
 

Ciao presentati ai lettori di www.infotrial.it

Veronica Reigl: “Sono nata il 9 Dicembre 1996 a Rovereto (TN), frequento l'ultimo anno del liceo linguistico.”

Moto posseduta e team

“Corro con la Beta della concessionaria Sembenini e sono iscritta al motoclub Egna Neumarkt.”

Anno del debutto e principali partecipazioni.

“Nel 2012.”

Cosa ti ha portato a scegliere di fare uno sport così particolare com’è il trial?

“Mi sono avvicinata a questo sport grazie alla mia famiglia. Quando mio fratello Nicolò e mio cugino Leonardo Reigl hanno comprato la loro prima moto ho deciso di imparare ad utilizzare le marce, come si sa una cosa tira l'altra e presto mi sono appassionata.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Alex Brancati: “Maggio 2012.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Mi piace tutto del trial!”

Cosa cambieresti nel trial?

“Al momento non cambierei niente.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Il mio terreno preferito è dove c'è meno da guidare, mi piace superare gli ostacoli, mentre odio le curve.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  


“Nella stagione invernale la domenica, se riesco al sabato e capita, raramente, il mercoledi sera.
In estate sabato e domenica e spesso alla sera in settimana, dipende dal lavoro di mio papa', è lui il principale allenatore, altri compagni d’allenamento Andrea Ceccati e a volte Sara Rivera.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  


“Vado in palestra e in bici in settimana, mentre nella stagione estiva mi alleno principalmente in bici.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Clara Macchiavello: “Dieci anni.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Nel trial una volta imparato a superare l’ostacolo si è subito pronti per provarne altri ancora più difficili.
Quest'insegnamento cerco di riportarlo anche nella vita quotidiana, imparo così ad affrontare le cose con più coraggio e determinazione, capendo che con pazienza ed impegno tutto si può realizzare.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Tutti quei comportamenti che rovinano l’ambiente sportivo e fanno dimenticare il vero significato di ciò che si sta facendo.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Il mio terreno preferito è la pineta, forse perché mi dà l'idea di farmi meno male in caso di caduta. Quello che non mi piace è il fiume viscido.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“ In inverno una volta nei weekend, nella stagione più calda aggiungo uscite in settimana, in compagnia di Andrea Fistolera e i miei compagni di Team.”  

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Mi alleno in piscina e quando ho tempo trekking in montagna o sulla neve e snowboard d'inverno.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Eleonora Marrè:”Da circa sette anni.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Del mio sрort mi рiace tutto!!!Le gioie che рrovo nel suрerare un ostacolo all’aррarenza imрossibile, le delusioni, рerchè sono quelle che aiutano a crescere nello sрort, l’adrenalina, i minuti prima della рartenza. E’ uno sрort che mi рermette di stare all’aria aрerta, in mezzo alla natura ed in compagnia di amici.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Non ci sono cose рarticolari che vorrei cambiare, anche come regolamento è abbastanza strategico рer рotersela giocare con gli avversari durante le comрetizioni, l’unica cosa che trovo non del tutto corretta  riguarda le 3 рenalità fisse anche nel momento in cui si mettono più di tre рiedi a terra, questo sрesso рuò incidere nelle classifiche.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

Eleonora Marrè: ” Mi рiacciono рiù o meno tutti, terra, erba, roccia.Quello che odio di рiù è рietre smosse, molto рiù faticoso ed imрegnativo risрetto agli altri.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  


“Generalmente mi alleno il fine settimana, solitamente la domenica. A volte, se ne ho la рossibilità, riesco ad allenarmi anche un giorno in settimana. Mi alleno con il mio minder Renato Cella ed in alcune occasioni anche con amiche e amici trialisti.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  


“Essendo laureata in scienze motorie e svolgendo alcune lezioni in рalestra, cerco di tenermi allenata con metodo “fai da te”.

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Elisa Peretti:  “Da quando avevo 8 anni, 2003.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“La costanza che bisogna metterci per avere dei risultati, il trial è uno sport complesso dove per prima cosa serve usare la testa.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Proporrei di fare gare e zone in posti più visibili al pubblico, poca gente conosce il trial, spesso lo confondono con il cross o l'enduro.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Preferito terreno asciutto e naturale, odio il terreno bagnato e gli ostacoli artificiali.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“Un allenamento a settimana o ogni due settimane con papà o con il mio minder Luca, quando si allungheranno le giornate spero di riuscire ad allenarmi di più.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Vado in palestra ma non seguo un programma di preparazione atletica.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Emanuela Spadoni: “Quattro anni.”

Cosa ti piace del tuo sport?

” Di questo sport mi piace tutto! Dalla preparazione della moto fino all'esecuzione delle zone, cercando di dare il meglio di me stessa per portare a termine il percorso… a volte con pianti ed altre con sorrisi.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Non cambierei niente perche' se mi ha appassionato cosi' vuol dire che non c' è niente da cambiare!!!  (mentre sorride ndr)”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

Emanuela Spadoni:” Il terreno che adoro è quello fangoso perché mi da adrenalina, non mi piacciono le zone nei fiumi perché trovo difficolta' nel controllare la moto.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  


“Una volta alla settimana con mio padre ed i ragazzi del team, tutto dipende in base all' impegno ed i voti a scuola, se non vado bene niente moto!”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  


“Per il momento no, vado solo in moto.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Giulia Kasermann: “Otto anni.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Del trial mi piace tutto, a partire dall'ambiente. Prima di iniziare a fare questo sport facevo gare di sci (discesa) e rispetto al trial l'ambiente era completamente diverso.

Qui è come una grande famiglia, trovo ci sia un bel affiatamento tra i piloti, cosa che nello sci non ho mai notato.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Sinceramente non avrei nulla da dire a riguardo, forse qualcosa a livello organizzativo si potrebbe migliorare.“

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Mi trovo bene su quasi tutti i terreni ad eccezione del bagnato dove, ho ancora un pò di difficoltà, mi piacciono particolarmente le zone nel sottobosco con pietre oppure letti dei fiumi con sassi.

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“Mi alleno due volte in settimana con mio papà e il sabato o la domenica. Quando non ci sono gare mi alleno con tutto il team nei weekend.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  


“Vado in palestra quasi tutto l'anno ad eccezione dei mesi più caldi dove, preferisco stare all'aperto andando a correre o in bici. In palestra cerco di andare due volte a settimana in base al tempo che mi rimane.

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Martina Balducchi:  “Ormai ben undici anni.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Tutto....l'equilibrio, e non inteso solo come surplace, metterci l'impegno e raccogliere piccoli risultati, mantiene viva la mente, la concentrazione e il corpo, praticare il mio sport in compagnia, l'off road nella natura, tutto ciò mi distrae rilassa e diverte.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Riferito allo sport la modalità d’iscrizione alle gare, riferito ai trialisti il troppo cattivo e disonesto chiacchericcio da paddock.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Preferito pietre e guidato, odio il sottobosco viscido con muschio.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“Circa tre in compagnia di chi è disponibile nei giorni in cui non lavoro.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Sì seguo un programma di allenamento in palestra.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Martina Gallieni:  “Sono salita su una moto per la prima volta all'età di 17 anni, in un periodo in cui, per via di un infortunio, sono stata costretta a diminuire per un certo tempo i miei impegni agonistici di sci alpino.”

Cosa ti piace del tuo sport?


“Trovo che il trial sia uno sport incredibile perché oltre alla componente fisica, vi è dietro una parte tecnica che dà al trial un'eleganza che gli altri sport praticati con moto da fuoristrada non hanno. Per di più, hai la possibilità di imparare a conoscere i boschi da un nuovo punto di vista, questo ti fa apprezzare dettagli che altrimenti non noteresti neppure.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Non saprei. Sono entrata nel mondo delle gare di trial da poco tempo e non ho ancora l'esperienza necessaria per fare delle critiche costruttive.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Forse preferisco terreno asciutto e ostacoli un po' più alti. Nel viscido proprio non sono capace a muovermi!”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“Mi alleno con Stefano Dellio un paio volte alla settimana, in funzione dei miei impegni di studio.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Al momento ho un po' ridotto la preparazione atletica appunto a causa del poco tempo libero.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Micol Bettinotti: “Un anno e mezzo.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Di questo sport amo il feeling tra pilota, la moto e il minder.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Sinceramente non cambierei niente!”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.

“Preferisco fare gare su terreni asciutti e invece odio i terreni fangosi e pieni di pietre!”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“Mi alleno in moto nel week end al Pro Park di Ceranesi con Sara Rivera, Sergio e Massimo Parodi.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“In settimana vado a correre.”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Sara Rivera:  “Continua pure con il coltello nella piaga.  Ho iniziato ad usare la moto da trial a febbraio 2003 e a settembre mi sono ritrovata a Lavarone nella squadra femminile al Trial delle Nazioni insieme ad Alessandra Sbrana e Simona Chauvie, non lo scorderò mai...anche perchè al rientro dalla gara mi sono addormentata sul furgone e risvegliata la settimana dopo!”

Cosa ti piace del tuo sport?

“La continua sfida che si ha con se stessi per affrontare ogni zona e lo stretto contatto con la natura.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Adotterei un regolamento più semplice per agevolare i giudici di zona e incrementare il numero dei partecipanti.”

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

Sara Rivera: “Terreno preferito sottobosco, odio le pietre viscide!”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  

“Due allenamenti settimanali, il Sabato e Domenica al Pro Park con un gruppo di amici fantastici!”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Preferisco stare all’aria aperta quindi alla palestra prediligo, quando ho il tempo, una bella corsetta!"

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Sara Trentini: “Otto anni in maniera competitiva.”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Considero il trial uno sport fantastico ma allo stesso tempo molto difficile: bisogna essere in grado di gestire molte cose, quali l'abilità, la forza, l'equilibrio, la capacità di coordinazione e di gestione dei propri pensieri. IL TRIAL MI PIACE PERCHE' E' UNA PROVA PER SFIDARE SE STESSI!!!.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Cercare dare più visibilità al trial e non sentirsi sempre dire: "ah ma tu fai cross… oppure: ma tu usi quella moto senza sella?".

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Non ho un terreno preferito. Mi basta andare in moto e trovare sempre situazioni nuove da cui imparare.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?  


“Con l'impegno della mia nuova attività cerco di trovare un po' di spazio per allenarmi almeno tre giorni alla settimana.”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Vado poco in palestra, preferisco andare a correre nei sentieri di montagna!”

 
 

Da quanti anni pratichi il trial?

Veronica Reigl:  “Da circa tre anni .”

Cosa ti piace del tuo sport?

“Adoro il fatto che ci sia sempre qualcosa da migliorare... sempre un nuovo obiettivo cui puntare e che non si smetta mai di imparare.”

Cosa cambieresti nel trial?

“Cosa cambierei nel trial? Alcune regole le trovo davvero inutili. Ragazzi un pò di respiro!!!Va bene che stiamo parlando di gare a livello agonistico, ma non sono molti quelli che ci vivono, trattiamolo come uno sport e puntiamo solo ad un obbiettivo: il divertimento. “

Terreno preferito di gara e quello che invece odi.  

“Nonostante non sempre riesca a superarle, le zone indoor sono sicuramente quelle che amo di più. Al contrario non c'è un terreno che odio.”

Quanti allenamenti settimanali e con chi?

“Dipende dalle settimane, devo riuscire a conciliare la scuola e la moto, il che non sempre è facile. Comunque in linea di massima 3/4 giorni a settimana. Mi alleno sempre con mio fratello, mio papà  mio zio e mio cugino e spesso chi troviamo dove andiamo ad allenarci. Naturalmente più si è maggiore è il divertimento!”

Vai in palestra o segui un programma di preparazione atletica?  

“Mmmm... No.. Non seguo nessun programma anche se dovrei. Comunque tutti i giorni cerco di fare un pò di movimento, ogni volta qualcosa di diverso, così non mi stufo anche se questo non serve più di tanto in moto.”

 
 

Pregi e difetti in moto  

Alex Brancati:“Il mio pregio penso sia di spostare abbastanza bene, il mio difetto non piego le gambe e guardo per terra.”

Pregi e difetti nella vita  

“Pregi nella vita? Mio papa' dice molto umile...troppo secondo lui. Il mio difetto penso sia che non sono tenace, credo poco in me.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

Alex Brancati: “Non pretendo che la mia moto abbia nulla di speciale, la mia fissa credo sia la continua regolazione della corsa del freno anteriore.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Clara Macchiavello: “Pregio:Grande passione e testardaggine nel voler imparare le cose. Difetto: Non saper fermarmi quando è il momento, quando sono troppo stanca.”

Pregi e difetti nella vita  

“Pregio: Dedico il 100% di me stessa nelle sfide che intraprendo fino al raggiungimento dell'obbiettivo. Difetto: pretendo troppo da me stessa creandomi delle grandi aspettative.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)


“Le leve dei comandi devono essere perfette , intendo senza giochi ecc.. E' come indossare un paio di scarpe larghe,che non ti permettono di muoverti nel modo corretto.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Eleonora Marrè: “Beh, рregi non molti, anzi, non saрrei che dire;  difetti molti uno dei tanti e che рatisco maggiormente, sono gli sрostamenti, c’è ancora molto da lavorare.
Un altro difetto è quello di non riuscire a togliere il dito dalla leva del freno anteriore nemmeno in salita.”

Pregi e difetti nella vita  

“Sono una ragazza solare, amo stare in comрagnia, raррortarmi con la gente, allo stesso temрo, sono testarda, sрesso e volentieri faccio di testa mia, molte volte sbagliando.“

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)


“La mia fissa рrinciрale è la regolazione del freno anteriore, aррena lo sento leggermente diverso imрazzisco рer registrarlo come piace a me. La mia fissa?Mantenere la moto sempre pulita.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Elisa Peretti: “Riesco sempre a mantenere la calma , ma mi demoralizzo al minimo errore.”

Pregi e difetti nella vita  

“La calma come pregio, ormai la gente è sempre agitata e scorbutica. Difetto ho poca fiducia nelle persone e questo si ripercuote anche nel trial.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

"Pedaline blu, ma Andrea Tron (tecnico Gas Gas ndr) ormai mi conosce!! “

 
 

Pregi e difetti in moto

Emanuela Spadoni: “Un difetto è che quando giro con mio padre ho sempre voglia di essere aiutata mentre, quando sono con altri faccio da sola… un pregio? Quando sono in difficolta non mi arrendo.”

Pregi e difetti nella vita  

"Il mio difetto è che sono molto chiacchierona e un pò irascibile mentre un mio pregio è l’essere sincera e rispettosa.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

“Di speciale la mia moto ha la foto di Winnie the Pooh nel para mento che mi guarda, M’immagino che mi sgridi quando sbaglio e mi rendo conto di essere un pò una bambina piccola.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Giulia Kasermann: “Difetti? A volte mi arrabbio un pò troppo. Pregi? non credo di averne”

Pregi e difetti nella vita  

"Pregi nella vita: sono una che non se la prende per niente , se anche mi capita qualcosa cerco sempre di non arrendermi e guardare avanti, per questo ho anche un carattere molto solare, sono sempre col sorriso. Difetti: sono molto gelosa per tutto.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

"La mia moto deve sempre essere perfetta, come piace a me! Sono molto attenta in questo.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Martina Balducchi: “Come pregi la costanza e passione, difetti? Troppi inelencabili!!!”

Pregi e difetti nella vita  

“Solare e spontanea ma molto disordinata.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

“Una cosa sola, l’affidabilità.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Martina Gallieni: “Penso di essere una buona allieva.Ascolto le correzioni e cerco di mantenere la concentrazione alta durante tutto l'allenamento. Purtroppo sono anche molto autocritica e mi butto facilmente giù di morale.”

Pregi e difetti nella vita  

“I miei pregi e i miei difetti nello sport si riflettono anche nella vita.”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

“Ho ancora molto da imparare sulla moto, perciò, prima di potermi permettere delle piccole fisse sulla moto, devo ancora migliorare la mia tecnica.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Micol Bettinotti:  “Come difetto ho la paranoia che non freni mai la moto... per ciò che riguarda i pregi....forse riesco a curvare bene!”

Pregi e difetti nella vita  

"Nella vita cambierei un pò il mio carattere troppo diretto e nervoso...”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)


“Sinceramente difetti della moto non ne trovo...con Beta mi trovo molto bene!l'unica cosa è il peso, l'alleggerirei un po'.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Sara Rivera: “Pregi: allegra e sorridente. Difetti: "strizza" nelle discese!”

Pregi e difetti nella vita  


"Sono una ragazza solare. Difetti? Fammi pensare? Te lo dico dopo un bicchiere di coca-cola! (un vizio di Sara ndr)”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)


“Dev’essere una Beta!”

 
 

Pregi e difetti in moto

Sara Trentini: “Considero la mia testardaggine un pregio poiché ho sempre voglia di migliorare, mentre il mio difetto principale in moto è di stare sempre avanti con il peso.”

Pregi e difetti nella vita

"Un unico pregio e difetto insieme: essere sempre troppo buona!!!!!”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)


“Una mia fissa è la posizione delle leve… per il resto non ho grandi esigenze sulla moto.”

 
 

Pregi e difetti in moto

Veronica Reigl: “Pregi: tranne quando sono di luna storta, non mi scoraggio mai, mi rialzo sempre. Difetti: Beh quelli li devono trovare gli altri.”

Pregi e difetti nella vita  


“Pregi: sono testarda, non mi fermo mai, se voglio una cosa solitamente la ottengo. Difetti: se mi sono appena svegliata o sono di luna storta,
lasciatemi stare!!!”

Cosa deve avere la tua moto di speciale o tue fisse? (in questa domanda Emanuela Spadoni ci ha stupiti)

”Il freno davanti, non deve toccarmelo nessuno! Se per caso dovessi regolarlo ci metterei una giornata intera, non mi va mai bene!!!”

 
 

Programmi 2015

Alex Brancati: “Compirò 14 anni il 13 Maggio e solo allora potrò correre nella categoria femminile.Nel Campionato Italiano partirò quindi dalla terza prova nella nuova categoria.
Parteciperò al Campionato Regionale Ligure, mentre nelle date libere al piemontese e se riesco a qualche prova del lombardo, infine mi piacerebbe esserci nell'ultima prova di europeo in Svizzera.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Idee e proposte per fare avvicinare altre ragazze al trial non ne ho. Di sicuro il nostro sport non si vede da nessuna parte e non se ne parla, quindi se non si sa neanche che esiste sarà dura che si avvicini qualcuno!”

Chi devi ringraziare?

“I miei genitori (mio padre su questo punto avrebbe da parlarne....) il Motoclub della Superba il Trial Team Aveto e tutti gli sponsor del team.”

 
 

Programmi 2015

Clara Macchiavello: “Campionato Interregionale UISP e trial marathon.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Fare magari qualche manifestazione di promozione del trial femminile più spesso e in diverse località, in modo da far conoscere il più possibile il meraviglioso mondo del trial femminile.”

Chi devi ringraziare?

“Ringrazio il Team TMT e la Fisto Trial School.”

 
 

Programmi 2015

Eleonora Marrè: “Nella stagione 2015 рarteciрerò sicuramente al trofeo Masters Beta, al camрionato regionale e magari ad una prova dell'italiano.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Per far avvicinare altre ragazze al trial, bisognerebbe pubblicizzare maggiormente questo sрort  sconosciuto. Mi è caрitato рiù volte di рarlarne con ragazze senza che loro saрessero di che tiрo di disciplina parlassi, bisognerebbe inoltre рromuoverlo durante manifestazioni imрortanti, dando la рossibilità di рrovare l’emozione di guidare in piedi sulle pedane!”

Chi devi ringraziare?

“Devo ringraziare in рrimis i miei genitori che mi hanno aiutato ad avvicinarmi a questo sрort, nonostante la mamma non fosse molto d’accordo.
Mi hanno semрre dato fiducia e sostegno morale ed economico. Devo ringraziare chi ha creduto in me e mi ha seguito alle gare, mia sorella Veronica ed il mio ragazzo Alex. Infine, ma non meno imрortante, devo ringraziare il mio allenatore Renato,  il quale mi segue in tutti gli allenamenti e gare, regalandomi molto del suo tempo, ma soрrattutto molta della sua рazienza.”

 
 

Programmi 2015

Elisa Peretti: “Partecipare a qualche gara nel campionato italiano nella categoria TR3, oltre al Campionato Regionale Piemontese.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Organizzare dei week-end dove ad insegnare siano le ragazze.”

Chi devi ringraziare?

“Prima di tutto i miei genitori e mio fratello, poi non meno importanti sono Claudio Favro, Andrea Tron e il mio minder Luca Destro, oltre agli altri componenti del Team SPEA Gas Gas.”

 
 

Programmi 2015

Emanuela Spadoni: “Prima di tutto divertirmi!  Impegnarmi e dare il meglio col sorriso, rispettare i miei avversari, essere una buona sportiva e fare esperienza.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Non saprei proprio cosa dire....”

Chi devi ringraziare?

“Vorrei ringraziare il mio team e tutti gli sponsor, il motoclub della Superba e particolarmente le persone che mi sopportano, mi aiutano non perdendo mai la voglia di portarmi ad allenamenti e gare, appassionati che mi fanno sentire in una grande famiglia.”

 
 

Programmi 2015

Giulia Kasermann: “ Il programma del 2015 mette al primo posto la partecipazione al campionato italiano, farò qualche gara di campionato europeo e infine il regionale che ritengo un buon allenamento.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Secondo me non ci sono molte proposte per far avvicinare le ragazze a questo sport, chiaramente essendo principalmente praticato dai maschi è una cosa che devi un pò avere scritto nel DNA. La voglia di fare, di non aver paura a guidare una moto, di partecipare a gare sotto la pioggia e nel fango senza stare a pensare "oddio mi sporco",... ecco x me se una ragazza si avvicina a uno sport così particolare lo fa perché è veramente appassionata. Nel trial a volte con un pizzico di incoscienza si fanno cose che mai pensavamo di fare.

Chi devi ringraziare?

“In primis è doveroso fare un ringraziamento speciale alla mia famiglia perché senza di loro tutto questo non sarebbe stato possibile ed ora non sarei qui a rispondere a questa intervista. Per secondo ma non meno importante il mio team Rabino Sport, nella persona di Roberto Rabino, e Alessandro Mondo che, mi sono sempre vicini e mi supportano in tutte le gare, un grazie sincero va anche al mio moto club, il Real Trial Castellinaldo nella persona di Osvaldo Scremin.

 
 

Programmi 2015

Martina Balducchi: “L’idea è quella di partecipare al Campionato Italiano 2015 nella Tr3 e al mondiale femminile, poi bisognerà vedere in base agli impegni lavorativi.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Creare scuole per ragazze new entry e allenamenti per noi che già pratichiamo il trial da anni. Istituirei una categoria di ingresso nel Campionato Italiano sul percorso Tr4 e una categoria più difficile per le ragazze che hanno già acquisito esperienza agonistica.”

Chi devi ringraziare?

“Ringrazio chi ogni giorno mi sopporta in tutte le mille cose che riempiono le mie giornate,nello specifico mamma e papa, le mie colleghe che sono sempre tutte molto disponibile ad agevolarmi per i cambi turno, permettendomi di partecipare alle gare, infine tutti gli amici che si interessano costantemente di me.
Un ringraziamento particolare va a Jo Moto di Albenga che segue la mia Scorpa, a Vittorio che mi segue nelle gare, il Team Scorpa, sixs, hebo e Daniele che mi segue in palestra e a tutti quelli che (non nomino per non dimenticarne nemmeno uno), quotidianamente si prestano per seguirmi negli allenamenti.”

 
 

Programmi 2015

Martina Gallieni: “Quest'anno cercherò di fare tutto il campionato italiano.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Organizzare dei corsi propedeutici con istruttori federali.”

Chi devi ringraziare?

“Ringrazio mio papà e Stefano Dellio, che mi aiutano ad andare avanti in questo bellissimo sport.”

 
 

Programmi 2015

Micol Bettinotti:  “Partecipare al Campionato Italiano, al Masters Beta, Regionale Ligure e Stop & Hop Trials.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Sinceramente per avvicinare le ragazze al trial farei dei corsi tutti femminili con istruttrici le ragazze che già corrono.”

Chi devi ringraziare?

“Ringrazio i miei genitori che mi sostengono sempre, il Team Propark, Sergio Parodi, Sara Rivera, Massimiliano Bo e Massimo Parodi, per ultimo ma non ultimo il mio unico sponsor Eliano Automarket che dalla stagione scorsa mi sostiene!

 
 

Programmi 2015

Sara Rivera: “Prenderò parte al Masters Beta, al Campionato Regionale Ligure e allo Stop&Hop Trials.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Organizzare corsi e prove moto solo al femminile, magari anche in occasione di manifestazioni trialistiche.”

Chi devi ringraziare?

“Non faccio elenchi perché avrei bisogno di almeno tre giorni.
Ringrazio tutte le persone che ho conosciuto in questo bellissimo ambiente e con le quali ho condiviso e condivido la mia passione per questo sport, tutti coloro che mi hanno supportata e....sopportata....in questi anni, la FMI e i Motoclub che organizzano le gare permettendoci di divertici.
Non posso però esimermi nel fare un ringraziamento particolare a Massimo Parodi per tutto il tempo che mi ha dedicato, penso che dopo 10 anni di minder ad una donna è diventato santo! Sergio Parodi per la sua grande passione e dedizione a questo sport, al mio "main sponsor" (il fidanzato) Mauro e ovviamente a mio padre e a mia madre che ancora oggi, alla veneranda età di trentasei anni, quando vado in moto mi saluta dicendomi:"  stai attenta e vai piano"!

 
 

Programmi 2015

Sara Trentini: “Farò tutto il campionato europeo e mondiale, oltre ad alcune prove di campionato italiano nella categoria maschile TR3. L'obiettivo è quello di impegnarsi sempre al massimo e di divertirsi!”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“Organizzare più eventi per far conoscere il trial e magari organizzati da ragazze trialiste!”

Chi devi ringraziare?

“Ringrazio infinitamente i miei genitori e mia sorella Sabrina per tutti i sacrifici che stanno facendo per me; la concessionaria Sembenini con cui esiste una stretta collaborazione nella mia nuova attività; NILS, lo sponsor principale dell'OffRoad Park e tutti gli amici che mi stanno dando un grosso sostengo morale (Carlo e Tina in primis).”

 
 

Programmi 2015

Veronica Reigl: “Ho la maturità quest'anno, quindi per quanto riguarda la moto solo divertirmi... Prima di tutto devo riuscire a scuola.”

Idee e proposte per migliorare e far avvicinare altre ragazze al trial femminile.

“I problemi sono gli stessi degli altri sport motociclistici: la moto è considerato uno sport maschile, bisognerebbe cambiare questa convinzione, il che non è facile. E poi è uno sport poco conosciuto, bisognerebbe farlo conoscere e organizzare qualcosa che ne permetta l'avvicinamento... Se una cosa non si prova non la si può amare e diciamocelo, chi comprerebbe una moto senza sapere se poi la userebbe? “

Chi devi ringraziare?

“Devo ringraziare un mucchio di persone...
Tutta la mia famiglia che comprende non solo mamma papà e mio fratello Nicolò che viene ad allenarsi con me e mi insegna sempre; anche i miei cugini sopratutto Leonardo Reigl con il quale ci alleniamo, mio zio Stefano Reigl, il nostro allenatore.
Tra gli sponsor devo ringraziare anzitutto Gino e Piero  Sembenini di Riva del Garda, il motoclub Egna Neumarkt.”

 
 

Avete scoperto così le protagoniste del trial femminile, un gruppo con pilotesse giovanissime ed altre affermate, unite da una passione comune.

La voglia di divertirsi, prima ancora del risultato sportivo.


Foto www.infotrial.it

Foto Clara Macchiavello in moto per gentile concessione mototrial.it

Foto Martina Gallieni in allenamento fornite da Martina Gallieni

Foto profilo Sara Trentini fornita da Sara Trentini


 
 
 



















 
Torna ai contenuti | Torna al menu