Mulatrialisti - INFOTRIAL

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mulatrialisti

Gare e calendari
 


 

5 Gennaio 2018


Mulatrialisti, una giornata tipo dell'appassionato di motocavalcate


 
 

Alcuni mesi fa abbiamo descritto un weekend tipo di Matteo Grattarola, il cannibale del trial italiano.

In questo articolo invece parliamo degli appassionati che prendono parte alle mulatrial.

Aldo, Carlo, Claudio e Maurizio questi i nomi dei protagonisti di questo articolo.

 
 

Aldo è il veterano del gruppo con i suoi 75 anni trascorsi buona parte in moto; trialista fino a qualche anno fa, oggi preferisce le cavalcate, alternando nelle lunghe gite domenicali una Montesa dotata di sella o in caso di percorsi particolarmente ostici, opta per una Beta Evo.

Carlo invece arriva dal downhill, disciplina che ha praticato prima di passare al trial e conoscere gli amici con cui si diverte nei weekend, arrivando dalla bici ama curare molto il mezzo meccanico adottando anche special parts per renderla più racing.

Claudio è un camionista con la passione per le due ruote, ogni giorno si reca nella concessionaria di moto da strada e fuoristrada gestito dalla moglie e dal cognato ed è stato influenzato da Aldo che lavora a pochi metri da lui.

Claudio da qualche stagione guida una Montesa ed è sempre attento ad ogni dettaglio. La sua priorità? Divertirsi ed evitare di rovinare le giornate trascorse con gli amici e per questo non si separa mai dal suo zaino-officina mobile.

Maurizio è l’ultimo arrivato nel gruppo, crossista per molti anni è stato influenzato (per non dire convertito al trial), dal suo amico Claudio e dal ricambista di fiducia Luca, guida una Beta Evo da pochi mesi e dopo un inizio dove per superare gli ostacoli utilizzava principalmente il gas, sta imparando le tecniche di guida del trial.

 
 

Dopo questa presentazione vi raccontiamo la loro giornata tipo.

Il ritrovo di oggi è prima dell’alba, la destinazione Varazze per l’omonima Mulatrial.

L’incontro è fissato in un bar dove consumano la colazione ed iniziano a scherzare, ricordando aneddoti come quello del cellulare perso e successivamente geolocalizzato, storie di sentieri ostici o cadute spettacolari.

Sono le 7:15 quando partono in direzione Varazze dove arrivano tra i primi.

 
 

Il lungo serpentone per le iscrizioni prende forma mentre iniziano la coda intorno alle 8:35.

Dieci minuti e dopo aver assaggiato la focaccia ligure offerta dagli organizzatori e ritirato il kit iscrizione, si recano verso i mezzi per prepararsi alla giornata.

 
 

Sono le 9:10 quando si mettono in coda in attesa della partenza.

 
 

Le lancette scorrono veloci mentre si divertono lungo i sentieri e quando li rivediamo, al termine di un tratto hard, sono le 13:00.

 
 

Venti minuti e giungono nella sezione più impegnativa… il ristoro ultimo punto dove li ritroviamo prima del ritorno verso Varazze.

 
 

Alle 15:45 finisce la giornata e dopo aver indossato nuovamente gli abiti civili si recano al ristorante per concludere la giornata, prima del ritorno a casa stanchi e felici.

 




















 
Torna ai contenuti | Torna al menu