I befani d'epoca - INFOTRIAL

Vai ai contenuti

Menu principale:

I befani d'epoca

Gare e calendari
 


 

26 Gennaio 2018


I befani d'Epoca... una giornata insolita

 
 

Tra le caratteristiche fondamentali dello sport vi è quella di unire le persone.

Avviene per gli appassionati come per i campioni.

 
 

Ci si saluta con un ciao anche con chi ha il doppio della tua età, alla stretta di mano si preferisce una pacca sulla spalla o “il cinque”, la timidezza viene meno quando devi conoscere la persona che hai di fronte, semplicemente perchè si è certi che condivide con noi la stessa passione.

L’amicizia nasce più facilmente nello sport, capita spesso di scambiarsi il numero di telefono con appassionati fino a quel giorno sconosciuti e la voglia di far festa non manca mai.

Il desiderio di ritrovarsi anche nel periodo di pausa tra una stagione e l’altra, ha spinto Marco Marranci ad organizzare il Befani...d’epoca.

 
 

L’era delle chat ha dato una mano ed ecco che il 23 Dicembre su WhatsApp ci siamo ritrovati in un gruppo nominato “I befani…d’epoca”.

Già dal nome si capisce quando sarebbe stato fissato l’incontro sulle colline che circondano Firenze e nel corso dei giorni sono trapelate le informazioni, che sapientemente l’organizzatore inviava centellinate per far crescere la curiosità.

 
 

Con il trascorrere dei giorni si è saputo che sarebbero state tracciate sei zone, la news successiva conteneva dei selfie di Marco Marranci assistito dal fido quattro zampe mentre allestiva le sezioni, a poche ore dall’incontro ecco spuntare le prime immagini del paddock e delle coppe, con tanto di targhetta “I BEFANI… d’Epoca”

Gli invitati non si sono fatti di certo attender nel rispondere all’organizzatore e nei giorni precedenti l’incontro il telefono ha iniziato a segnalare nuovi messaggi …. con sempre maggior frequenza!

 
 

Tra una battuta e l’altra ecco spuntare le foto dei mezzi d’epoca che avrebbero partecipato alla festa,  Fantic 125, 200 e 240, Honda 200 e 250, le rarissime Yamaha il tutto mentre la voglia di fare trial aumentava…

Tre ore di strada ci separano da Firenze, l’autostrada A1 scorre veloce sotto le ruote quando il telefono inizia a segnale la presenza di nuovi messaggi, con le foto di coloro i quali si trovano già in prossimità della citta viola.

 
 

Quando raggiungiamo il luogo d’incontro troviamo quasi tutti sono intenti a sistemare i mezzi prima di portarle al parco chiuso, allestito nel giardino di casa di Marranci.

Nessuna gara e nessun punteggio oggi, questa l’ultima sorpresa dell’organizzatore.

Il bel tempo dei giorni precedenti è un ricordo il 6 Gennaio e una leggera pioggia ci accompagna mentre percorriamo il breve tratto verso la prima zona.

 
 

Vedere moto di interesse storico ricoprirsi di una patina marrone non frena di certo i presenti che, anzi si sfidano in passaggi sempre più impegnativi.

Le zone con maggior fango vedono le moto con minor cilindrata prevalere, grazie alla maggior dolcezza del propulsore che permette di scaricare a terra meglio la potenza.

 
 

Non mancano i consigli tra i partecipanti e in un clima festoso lo zero o il cinque valgono in egual modo.

Si passa dal:

“E’ tutto merito della moto” , “Si vede che sei il campione italiano” in caso dello zero...

Al…

“Guarda che hai la gomma troppo dura… è per quello che sei passato!!!” o “Ritenta che è stato un colpo di sfortuna” in caso di cinque.

Il clima di festa che abbiamo ritrovato nelle gare d’epoca è amplificato in questa giornata.

 
 

Il tempo trascorre veloce e verso le 14 è ora di pranzare in casa di Marranci e qui si distinguono alcuni specialisti della forchetta mentre, Daniele Semeraro e Euro Guermandi  (campioni italiani 2017 in diverse classi del tricolore d’epoca), devono “subire” gli scherzi degli amici indossando cappellini a pois rosa.

Il giorno sta lasciando spazio al buio mentre Marranci premia i presenti con le coppe “i befani d’epoca” e il gruppo riprende la strada verso località come, Bologna, Modena, Milano, Vicenza, Trieste, Susa con la promessa di ritrovarsi a festeggiare un'altra volta e ancora oggi a conferma della volontà di rivedersi al più presto il telefono vibra numerose volte durante il giorno…

 




















 
Torna ai contenuti | Torna al menu